Siete Colleghi Tossici? Scopritelo…

A nessuno piace avere colleghi tossici. Anche le persone più difficili sono probabilmente i primi a essere d’accordo.

Il che solleva una domanda: Se tu fossi una persona “tossica”, vorresti saperlo? E’ possibile che tu sia chi sta scatenando il caos nella tua squadra, rendendo tutti gli altri meno produttivi?

Certo che no , dirai. Perché questo è quello che tutti diciamo.

La ricerca dipinge un quadro molto diverso, vale a dire che la maggior parte del tempo vi è ben poca sovrapposizione tra come gli altri ci vedono e come pensiamo di essere visti. (Ci sono molte buone ragioni per questa disconnessione – per la maggior parte, ha a che fare con il modo percezione difficile e soggettiva.)

Supponendo che preferiate non essere odiati dai colleghi, qui ci sono tre modelli di persone che vengono individuate come tossici e alcune strategie che si possono utilizzare per evitare di caderci.

PROBLEMA 1Sembrate freddi

Il cervello umano è cablato per cercare di capire se gli altri rappresentano una minaccia per noi -. Per i nostri rapporti, per le nostre carriere, per il nostro benessere in generale.  Hai intenzione di crearmi problemi? ci si chiede (spesso inconsapevolmente). Hai intenzione di competere con me, o minare la mia persona?

Le persone rispondono a questa domanda su di voi valutando quanto caloroso sembrate. Il vostro calore – essere cordiale, attento, empatico – viene preso come prova di buone intenzioni verso chi le percepisce, ed è la prima cosa che valutano su di te dall’inizio.

Quando si è calorosi, la vostra tendenza a dire alle persone che cosa fare è più probabile essere visti dai colleghi come una persona “utile”: lasciare un collega fuori da una importante catena di e-mail è “una svista,” e il temperamento impulsivo è il risultato di “tanto stress.” In altre parole, quando le persone credono che in genere hanno i loro interessi a cuore, si ottiene il beneficio del dubbio, e le vostre azioni sono interpretate più generosamente. E questo accade solo quando si è calorosi.

Il problema è che la maggior parte delle persone, in particolare in ambienti di lavoro, fanno una buona impressione sui loro colleghi prima di tutto con la competenza. Nella loro ansia di dimostrare le proprie capacità e talenti, trascurano di proiettare calore. (In realtà, è peggio – alcune persone dimostrano attivamente il loro calore nel tentativo di sembrare più competenti.)

Soluzione: Per attivare il vostro quoziente di calore, fare un tentativo consapevole di prestare attenzione ad altre persone.

  • Un contatto visivo e tenerlo, sia quando si sta parlando e ascoltando.
  • Resistere alla tentazione di guardare il telefono cellulare durante le riunioni.
  • Sembrate interessati.
  • Di tanto in tanto dimostrate di capire ciò che vi viene detto.
  • Sorriso, soprattutto gli altri vi sorridono.
  • E sopra ogni altra cosa, in realtà concentrarsi su quello che gli altri hanno da dire – i vostri colleghi hanno bisogno di sentirsi ascoltati, proprio come è giusto che sia.

Ricordate che le persone non hanno accesso ai vostri pensieri e sentimenti segreti – bisogna renderli evidenti. Quindi, fare questo sforzo per dimostrare che siete dalla loro parte.

PROBLEMA 2Sembrate Egoisti

Ma aspettate! Dici. Io mi faccio il culo per i miei colleghi. Faccio più degli altri e lo faccio meglio.

Questo può essere vero. Ma quanto tempo dedichi davvero pensare a vostri colleghi? A cosa pensano e come vedono le situazioni? Le loro difficoltà? Quali obiettivi hanno?

Se non si sa molto su ciò che spinge i vostri colleghi o quali sono le loro speranze e le paure, potreste avere problemi. Collaboratori percepiti come “tossici” pensano  sono nel loro mondo, e sono soli a viverci. Non è che credi che questo è effettivamente vero – ma per essere “tossici”, tutto quello che dovete fare è essere percepito come tale. Questo può accadere anche se siete solo molto concentrati sul lavoro di fronte a voi, a testa in giù. Anche se potete sentirvi come dei martiri al lavoro, altre persone potrebbero vedervi come possedimento del lavoro, microgestione, o che hanno difficoltà a delegare o collaborare. Perché queste persone non spendono molto tempo a pensare gli altri o cercare di vedere le cose da punti di vista diversi dal proprio, ma anche spesso inavvertitamente fanno classiche cose “tossici” come assegnare la colpa agli altri quando le cose vanno male, lasciando le persone chiave fuori dalla loop, o prendendo il credito per il lavoro di altre persone.

Soluzione: Onestamente, le persone più egocentriche non si rendono conto che essi sono egocentrici, e quasi tutti loro di certo non vogliono essere. (Tranne che per narcisisti. Supponiamo che tu non sia uno di quelli.) Per essere certi che non rientriate in questa particolare categoria di tossici:

  • Prendere il tempo mettetevi mentalmente nei panni dei colleghi per provare davvero di cogliere il loro punto di vista.
  • Siate curiosi, e ponete domande per conoscere meglio i colleghi che non conoscete bene.
  • E, soprattutto, mostrare empatia.
  • Fate loro sapere che rispetti e li apprezzi abbastanza per cercare di vedere le cose attraverso i loro occhi.
  • Utilizzare frasi come “Mi dispiace che tu abbia a che fare con …” e “immagino come ti sei sentito …” per trasmettere direttamente empatia.

PROBLEMA 3Pensate da Nazisti

Non è una sorpresa che in un recente studio, i colleghi tossici sono troppo sicuro di sé e auto-centrati rispetto ai loro colleghi non tossici. Ciò che può sorprendere è il terzo tratto comune che spesso condividono: credono che le regole devono  sempre  essere seguite.

Naturalmente, quando tali regole sono etiche o di natura legale, siamo tutti d’accordo che non dovrebbero essere infrante. Ma altre regole, quelle che governano il modo di lavorare “dovrebbero” a volte essere piegate (o ignorate del tutto) per il bene di un obiettivo più grande.

I Nazisti non vedono le regole in questo modo. Si aggrappano ad esse come Leonardo Di Caprio si aggrappò a quella porta in Titanic  – come se le loro vite dipendono da questo. E assicurarsi che tutti gli altri non troppo, anche quando la regola non ha senso e si trova nel modo di produttività.

Questo rigoroso rispetto delle regole nasce principalmente dal focus su un eccesso di prevenzione. La prevenzione mirata per stare al sicuro. Sono generalmente avversi al rischio e si preoccupano di quello che potrebbe andare male se non sono abbastanza attenti, ma il loro lavoro è anche più approfondito, accurato e ben pianificato.

Soluzione: Siate onesti – riuscite? Pensate di essere un po’ rigidi quando si tratta di fare le cose “il modo in cui si suppone debbano essere fatte”?

Nonostante le tue buone intenzioni, quello che può sembrare perfettamente ragionevole e responsabile per voi è un problema per l’intero team. Fare un modo di essere più flessibili sulle regole, in particolare quelle che non sono né immorali né illegale. E non dimenticate di evidenziate ai vostri colleghi quando siete flessibili, in modo da ottenere credito su questo aspetto. Infine, quando si devono veramente rispettare le regole, non date per scontato che le altre persone capiscano il motivo ; prendere un momento per spiegare il vostro pensiero, perché è così importante seguire le regole, in questo caso, e come farlo è bene per la vostra squadra.

By Heidi Grant Halvorson (Harvard Business Review)

Se anche questo articolo è stato di tuo gradimento, ed è utile nella tua vita e pensi possa migliorare la vita di altre persone Condividilo sui Social e commenta qui sotto aiutandoci a migliorare. Ci teniamo a conoscere il tuo punto di vista, la tua critica o la tua storia. Grazie.

Ricevi anche tu le nostre News

Iscriviti Adesso e Ricevi le nostre migliori News direttamente alla tua email.

Noi AMIAMO la Privacy e la Tua e Garantita al 100%.

 

Inserisci il Tuo Commento

Commenti