Post n.6 – 2015 Il prezzo del cibo cambia il gusto

Secondo questo interessante articolo scovato sul web la nostra percezione del gusto potrebbe modificarsi in base al prezzo del cibo. Ciò è molto interessante da conoscere e intelligentemente e strategicamente potrebbe essere utilizzato dall’imprenditore che vuol posizionarsi sul mercato della ristorazione sfruttando tra l’altro anche la leva del prezzo. Leggi bene…

Si ama o non si ama un alimento e un piatto anche in funzione di quanto lo si paga. I ristoratori sono avvertiti, tagliare il conto non sempre fa felice il consumatore.

La conclusione del team di ricerca guidato da Brian Wansink, professore presso la Facoltà di Economia Applicata Dyson e Management presso Cornell University, è perentoria: “semplicemente il taglio del prezzo in un ristorante influisce drammaticamente sulla valutazione e apprezzamento del cibo da parte dei clienti.”

Normalmente si crede che i nostri sensi siano guidati solo dagli stimoli olfattivi, gustativi e tattili che riceviamo ma non è così. Questo nuovo studio mette in luce come la percezione cambia in ragione del prezzo perchè influisce sul nostro rapporto con gli alimenti e persino sul nostro senso di colpa.

Insomma il fattore prezzo può manipolare le nostre percezioni.
I ricercatori hanno collaborato con un buffet italiano di alta qualità a New York per studiare come i prezzi colpiscono le percezioni dei clienti. Hanno presentato a 139 commensali un menu che ha offerto un buffet “all-you-can-eat” (mangia quanto vuoi) a prezzi fissi di 4 e 8 dollari rispettivamente. Ai clienti è quindi stato chiesto di valutare la qualità sulla base di una scala a nove livelli.

carne_ristorante

Coloro che hanno pagato 8 dollari per il buffet hanno riferito di aver goduto del pasto in media l’11% in più di quelli che invece hanno pagato 4 dollari.
Tra i fattori che hanno inciso di più sulla valutazione, il fatto che chi ha pagato 4 dollari ha riferito di aver mangiato troppo, sentendosi in colpa per questo comportamento.

Lo studio non ha affrontato direttamente le implicazioni sulla salute pubblica di buffet tipo all-you-can-eat, molto diffusi negli Usa, ma i ricercatori hanno detto che i risultati potrebbero offrire lezioni su come ottimizzare l’esperienza al ristorante .

“Se siete consumatori e volete mangiare a buffet, la cosa migliore da fare è mangiare a quello più costoso che vi potete permettere. Non mangerete troppo e avrete una migliore esperienza complessiva” ha concluso Wansink.

Lo studio si inserisce all’interno di una costellazione di altri lavori svolti da Wansink e altri che offrono spunti su come i comportamenti alimentari possono essere manipolati da piccole modifiche, come mettere gli alimenti più salutari su un piatto più piccolo.

 

Fonte www.treatronaturale.it

Se anche questo articolo è stato di tuo gradimento, ed è utile nella tua vita e pensi possa migliorare la vita di altre persone Condividilo sui Social e commenta qui sotto aiutandoci a migliorare. Ci teniamo a conoscere il tuo punto di vista, la tua critica o la tua storia. Grazie.

Ricevi anche tu le nostre News

Iscriviti Adesso e Ricevi le nostre migliori News direttamente alla tua email.

Noi AMIAMO la Privacy e la Tua e Garantita al 100%.

 

Inserisci il Tuo Commento

Commenti