Perchè i bravi Leader ci fanno Sentire al Sicuro

Il teorico della leadership Simon Sinek ci spiega in modo coinvolgente e persuasivo il perché i grandi Leader riescono a farci sentire al sicuro. Questo è un grande passo avanti nello studio ed anche nell’applicazione della leadership e dei risultati. Se volete avere un quadro più chiaro della vostra condizione di leader potete rispondere alle 13 domande di Travis Bradberry.

La grande intuizione di Sinek potrebbe aiutarvi a diventare grandi leader, a essere percepiti tali ed essere seguiti dai seguaci. La capacità di sacrificare se stessi per il benessere degli altri sembrerebbe fare la differenza, ma non solo.

In molte aziende, dice Sinek, alcuni manager sono disposti a sacrificare gli altri per i loro guadagni.

>Il leader è capace di creare un ambiente di sicurezza da tutti i pericoli esterni. Questo stimola naturalmente spirito di collaborazione e cooperazione.

>Il bravo leader non viene temuto, dà sicurezza.

>Il leader ti dà la possibilità di sbagliare, apprendere e crescere.

0:11 C'è un uomo di nome Capitano William Swenson che di recente è stato insignito della Medaglia d'Onoredel Congresso per la sua condotta l'8 settembre, 2009.

0:24 Quel giorno, una colonna di truppe americane e afghane stavano attraversando una regione dell'Afghanistan per aiutare a proteggere un gruppo di funzionari del governo, un gruppo di funzionari del governo afghano che avrebbero dovuto incontrarsi con alcuni anziani del villaggio. La colonna subì un'imboscata, e fu circondata su tre lati, e tra le altre cose, il Capitano Swenson fu premiato per aver corso nel fuoco aperto per salvare i feriti e recuperare i cadaveri. Una delle persone che salvò, era un sergente, e lui e un commilitone stavano facendo ritorno a un elicottero di pronto soccorso.

1:07 E la cosa eccezionale di quella giornata è che, per pura coincidenza, uno dei due medici sull'elicottero aveva una telecamera GoPro sul casco e riprese tutta la scena. Mostra il Capitano Swenson e il suo commilitone portare in elicottero un soldato ferito a cui avevano sparato al collo. Lo misero sull'elicottero,e poi si vede il Capitano Swenson piegarsi in avanti e dargli un bacio prima di voltarsi e andare a salvare altre vite.

1:43 Vidi il filmato e dissi tra me e me: "Da dove vengono le persone così? Perché lo fanno?" È un'emozione molto, molto profonda quella che spinge una persona ad agire in questo modo. C'è amore, e volevo sapere perché le persone con cui lavoro io non sono fatte così. Sapete, nell'esercito, danno medaglie alle persone che sono disposte a sacrificarsi per il bene degli altri. In azienda, si danno i bonus alle personeche sono disposte a sacrificare gli altri per poterne trarre vantaggio. Funziona al contrario. Vero? Così mi sono chiesto: "Da dove vengono persone così?" E la mia conclusione iniziale è stata che sono semplicemente persone migliori. Ecco perché sono attratte dal servizio militare. Queste persone sono attratte dal concetto di servizio. Ma è completamente sbagliato. Quello che ho imparato è che dipende dall'ambiente, e se trovi l'ambiente giusto, ognuno di noi ha la capacità di fare queste cose notevoli, e cosa più importante, anche gli altri ce l'hanno. Ho avuto il grande onore di conoscere alcune di queste persone che chiamiamo eroi, che hanno messo a rischio se stessi e le proprie vite per salvare quelle degli altri, e ho chiesto loro: "Perché lo fareste?" "Perché l'avete fatto?" E tutti mi rispondono la stessa cosa:"Perché l'avrebbero fatto per me." È il profondo senso di fiducia e di collaborazione. Perciò la fiducia e la collaborazione sono davvero importanti. Il problema con i concetti di fiducia e di collaborazione è che sono sensazioni, non istruzioni. Non posso dirvi semplicemente: "Fidatevi di me" e voi lo farete. Non posso insegnare a due persone a collaborare e basta, e lo faranno. Non è così che funziona. È una sensazione.

3:17 Perciò da dove viene quella sensazione? Se si torna indietro di 50 000 anni all'era del Paleolitico, fino ai primi anni dell'Homo Sapiens, ciò che riscontriamo è che il mondo era pieno di pericoli, la natura intera ce la metteva tutta per ucciderci. Niente di personale. Che fosse il tempo, la mancanza di risorse, forse una tigre dai denti a sciabola, tutti questi elementi naturali erano lì per ridurre la durata della nostra vita. E così ci siamo evoluti in animali sociali, che vivevano insieme e lavoravano insieme in quello che io chiamo circolo della sicurezza, nella tribù, dove ci sentivamo bene. E quando ci sentivamo al sicuro tra i nostri simili, la reazione naturale era fiducia e collaborazione. Sono benefici che caratterizzano questa condizione. Significa che io posso addormentarmi la notte e confidare nel fatto che qualcuno della mia tribù farà da guardia. Se non ci fidiamo gli uni degli altri, se non mi fido di voi, significa che voi non starete di guardia. Pessimo sistema di sopravvivenza.

4:12 L'epoca moderna funziona esattamente allo stesso modo. il mondo è pieno di pericoli, cose che cercano di ostacolarci e impedirci di avere successo, riducendo le nostre possibilità di farcela. Possono essere gli alti e bassi dell'economia, l'incertezza della borsa. Può essere una nuova tecnologia che rende il vostro modello di business obsoleto da un giorno all'altro. O potrebbe essere la concorrenza che a volte tenta di uccidervi. A volte cerca di escludervi dal mondo degli affari, ma come minimo cerca instancabilmente di impedirvi di crescere e cerca di rubarvi il vostro business. Non possiamo controllare queste forze. Sono una costante e non spariranno mai.

4:46 L'unica variabile sono le condizioni dentro un'organizzazione, ed è lì che la leadership trova la sua importanza perché è il leader che decide. Quando un leader fa la scelta di stabilire come priorità la sicurezza e la vita delle persone nell'organizzazione per sacrificare le proprie comodità a favore di risultati tangibili, così che le persone rimangono e si sentono sicure e accettate, accadono cose notevoli.

5:12 Dovevo viaggiare in aereo, e ho assistito a una scena in cui un passeggero aveva tentato di imbarcarsi prima che il suo numero fosse stato chiamato, e io guardavo l'agente al gate che trattava quell'uomo come se avesse infranto la legge, come un criminale. Veniva rimproverato per aver cercato di imbarcarsiun gruppo prima del suo, Così ho detto qualcosa. Ho detto: "Perché ci trattate come animali? Perché non ci trattate come esseri umani?" E l'agente mi ha risposto esattamente così. Mi ha detto: "Signore, se io non seguo le regole, potrei finire nei guai o perdere il lavoro." tutto quello che stava comunicando era che non si sentiva sicura. Tutto quello che mi stava comunicando è che non si fida dei suoi leader. Il motivo per cui voliamo con Southwest Airlines non è perché assumono persone migliori. È perché non temono i propri leader.

6:06 Vedete, se le condizioni sono sbagliate, siamo costretti a espandere il nostro tempo e la nostra energia per proteggere noi stessi dagli altri, e questo di per sé rende debole l'organizzazione. Quando ci sentiamo al sicuro nell'organizzazione, combineremo naturalmente i nostri talenti e le nostre forze e lavoreremo instancabilmente per far fronte ai pericoli all'esterno e coglieremo le opportunità.

6:27 L'analogia più pertinente che mi viene in mente per un grande leader, è un genitore. Se pensate a che cosa significa essere un bravo genitore, che cosa desiderate? Che cosa fa di un genitore un bravo genitore? Ai nostri figli vogliamo dare opportunità, istruzione, sgridarli se necessario, tutto per farli crescere e raggiungere traguardi pù importanti di quelli che abbiamo raggiunto noi. I grandi leader vogliono esattamente le stesse cose. Vogliono dare opportunità, istruzione, rimproveri se necessari,affermare l'autostima, dare l'occasione di provarci e di fallire, tutto per avere dei risultati migliori rispetto a quelli immaginati per se stessi.

6:58 Charlie Kim, amministratore delegato dell'azienda Next Jump a New York, un'azienda di tecnologia,sostiene che se passaste momenti difficili in famiglia, prendereste mai in considerazione l'idea di licenziare uno dei vostri figli? Non lo fareste mai. Allora perché prendiamo in considerazione l'idea di licenziare il personale in azienda? Charlie ha implementato una politica di impiego per la vita. Se venite assunti a Next Jump, non potete essere licenziati per questioni di rendimento. In effetti, se avete dei problemi, vi insegneranno e vi daranno un sostegno, proprio come faremmo noi se uno dei nostri figliporta a casa un brutto voto da scuola. È l'esatto opposto.

7:36 È il motivo per cui così tante persone provano un odio viscerale, una rabbia, nei confronti dei banchieri che hanno salari e bonus sproporzionati. Non sono i numeri. È il fatto di aver violato la definizione stessa di leadership. Hanno violato questo contratto radicato nella società. Sappiamo che hanno permesso alle loro persone di essere sacrificate così da proteggere i propri interessi, o peggio, hanno sacrificato le proprie persone per proteggere i propri interessi. È questo che ci offende tanto, non i numeri. Qualcuno si offenderebbe se dessimo un premio di 150 milioni di dollari a Gandhi? E uno di 250 milioni a Madre Teresa? Abbiamo qualche problema? Niente affatto. Niente affatto. I grandi leader non sacrificherebbero mai le persone per salvare i numeri. Preferiscono sacrificare i numeri per salvare le persone.

8:25 Bob Chapman, che gestisce una grande azienda manifatturiera nel Midwest chiamata Barry-Wehmiller,nel 2008 è stato colpito duramente dalla recessione, e l'azienda ha perso il 30 per cento degli ordini da un giorno all'altro. Ora, in una grande azienda manifatturiera, è un duro colpo, e non potevano più permettersi il proprio team di dipendenti. Dovevano risparmiare 10 milioni di dollari, così, come molte altre aziende oggi, il consiglio si è riunito e ha parlato dei licenziamenti. E Bob si è rifiutato. Vedete, Bob non crede nel numero di persone. Bob crede nel numero di cuori, ed è molto più difficle ridurre il numero di cuori. E così si sono fatti venire in mente un programma di licenze. Ogni impiegato, dal segretario all'amministratore delegato, doveva prendersi quattro settimane di vacanza non retribuite. potevano prenderle quando volevano, e non dovevano prenderle tutte e quattro insieme. Ma è stato come Bob ha annunciato il programma che ha avuto importanza. Ha detto: "È meglio che tutti noi soffriamo un po'piuttosto che permettere che qualcuno di noi soffra molto", e il morale si è risollevato. Hanno risparmiato 20 milioni di dollari e, cosa più importante, come ci si sarebbe aspettati, quando le persone si sentono sicure e protette dalla leadership nella società, la reazione naturale è fidarsi e collaborare. E quasi in modo spontaneo, nessuno l'avrebbe detto, le persone hanno iniziato a mettersi d'accordo tra di loro. Chi poteva permettersi di più si scambiava con chi poteva permettersi di meno. Alcuni si prendevano cinque settimane così che qualcun altro potesse prendersene solo tre.

9:58 La leadership è una scelta. Non è un rango. Conosco molte persone nei quadri dirigenti di aziende che non sono per niente dei leader. Sono autorità, e noi facciamo quello che dicono perché hanno un'autorità su di noi, ma non li seguiremmo mai. E conosco molte persone che sono ai livelli aziendali più bassi che non hanno autorità ma che sono leader in tutto e per tutto, perché hanno scelto di prendersi cura della persona alla propria sinistra, e hanno scelto di prendersi cura della persona alla propria destra. Ecco chi è un leader.

10:30 Ho sentito una storia di alcuni Marines che erano a teatro e come vuole la consuetudine dei Marines,l'ufficiale mangiò per ultimo, e lasciò che i suoi uomini mangiassero per primi, e quando finirono, non era avanzato cibo per lui. e quando tornarono sul campo di battaglia, i suoi uomini gli portarono il proprio cibo così che lui potesse mangiare, perché è così che vanno le cose. Li chiamiamo leader perché vanno per primi. Li chiamiamo leader perché si prendono dei rischi prima di chiunque altro. Li chiamiamo leader perché sceglieranno di sacrificarsi così che le persone possano essere sicure e protette e così che possano essere vincenti, e quando lo sono, la risposta naturale è che le nostre persone si sacrificheranno per noi. Ci daranno sangue, sudore e lacrime per vedere la propria visione di leader diventare realtà, e quando chiediamo loro: "Perché lo fai? Perché dai sangue, sudore e lacrime per quella persona?", tutti mi hanno risposto così: "Perché loro avrebbero fatto la stessa cosa per me". E non è questo il tipo di azienda in cui tutti noi vorremmo lavorare?

11:44 Grazie mille.

11:47 Grazie. (Applausi)

11:50 Grazie. (Applausi)

 

Inserisci il Tuo Commento

Commenti