Perché Gli Avvocati sono Pessimi Manager?

Molti titolari di studi legali sono noti per rendere la vita dei loro collaboratori davvero un inferno.

Alla fine del 2012, uno dei più grandi studi legali Cravath, Swaine & Moore ha annunciato i suoi premi di fine anno. Bonus che vanno da $ 10.000 a $ 60.000. Altri studi legali hanno seguito l’esempio, tra cui Skadden Arps Meagher & Flom, Simpson Thacher e Sullivan & Cromwell. Mentre molti leader del mondo giuridico insistono sul fatto che i grandi bonus sono necessari per attrarre e mantenere i migliori talenti, i tassi di turnover degli avvocati raccontano una storia ben diversa.

Certamente quest’articolo del 2013 pubblicato su Fortune si riferisce agli studi legali americani di grossa portata con centinaia si associati. Come gli studi legali italiani possono trarre vantaggio dall’esperienza americana? I Dominus italiani hanno interesse a capire come trattenere a sé i migliori e non farli scappare?

Si evidenzia che la competenza tecnica legale non ha nulla a che vedere con la competenza gestionale e la competenza relazionale entrambe fondamentali per tenere con sé i migliori collaboratori. Ancora meglio è iniziare a considerare i propri avvocati, non come collaboratori ma come partner (dopo la pratica).

Un primo passo da affrontare è riconoscere di dover e poter sviluppare le capacità di management e di relazione del proprio studio, e di averne bisogno. Talvolta presi dalle scadenze quotidiane, dagli impegni tassativi ci si dimentica di chi sta attorno, ci si aspetta, che i collaboratori pensino e agiscano allo stesso modo del capo. Questa è una grande illusione e un problema da risolvere al più presto se si vuole davvero essere i migliori, con migliori avvocati.

Un motivo di abbandono è la cattiva gestione. Non per incompentenza tecnica, ma la mal gestione da parte del capo. Un socio di medio livello della Schulte Roth & Zabel ha detto: “Il sentimento generale quando le persone lasciano il posto è: “grazie a dio non ho più a che fare con questo abuso.” Perché alla fine della giornata, è un abuso costante o si vive con la paura dell’abuso “.

Ciò che è di fondamentale importanza comprende come mantenere la calma.

 avvocati_poltrone_vuote

Considerando i soldi (in Italia vale solo per qualche grande studio legale dove i capi sono davvero degli imprenditori) che gli studi legali investono su ogni avvocato neo-assunto, si dovrebbe prestare maggiore attenzione alla soddisfazione stessa dell’avvocato. Secondo Gerry Riskin, socio di consulenza studio legale Edge International, “la maggior parte degli studi sono ignari del peso dei costi. Questa spesa è inaccettabile“, dice Riskin.

Oltre a stipendi e bonus, gli studi legali spendono migliaia di dollari in reclutamento e formazione di ogni associato, spesso pagando per i corsi di preparazione agli esami, le spese di spostamento, e formazione giuridica continua. Così, quando un avvocato del proprio studio va via, anche gli investimenti fatti vanno via con lui.

Nel modello dello studio legale italiano per lo più non sono adottati investimenti finanziari sui neo-assunti, e nemmeno sui veterani, tuttavia il Dominus impiega tanto tempo e risorse personali e professionali al servizio dell’educazione e della formazione del proprio staff. Quindi è comunque importante sviluppare l’abilità a gestire gli uomini e a relazionarsi in modo più intelligente e produttivo. In caso contrario può accadere di perdere il lavoro fatto rischiando che i migliori avvocati vadano via dal proprio studio, diventando spesso concorrenti.

Cosa si può fare? Investire su di loro, continuare a farlo, e trasformarli da collaboratori a partner all’interno della propria struttura.

avvocati-accordo

Molti avvocati lasciano il nido della loro formazione giuridica non tanto per l’inadeguata retribuzione, ma per la mancanza di crescita. Molti studi vengono abbandonati soprattutto dai migliori avvocati perché questi percepiscono che all’interno di quell’ambiente che fino a qualche tempo prima è stato incubatrice, sostegno e nutrimento non possono più crescere. Coloro che lasciano uno studio legale pur se di prestigio percepiscono la mancanza di crescita. Questi sono solitamente i migliori.

Se vuoi tenere i migliori con te, fagli provare la sensazione di crescita e miglioramento.

La maggior parte degli studi legali sono guidati da avvocati che non sono mai stati formalmente addestrati per gestire gli altri. Secondo Riskin, anche il miglior avvocato può rivelarsi un leader terribile. “Non si può gestire con le competenze legali” dice, aggiungendo che i partner hanno bisogno “di un approccio di gestione completamente diverso rispetto alla pratica legale.

I migliori studi legali hanno iniziato ad offrire formazione alla leadership per aiutare i partner e collaboratori anziani a sviluppare le capacità di management che l’Università non ha loro insegnato ma che sembrano essere una priorità assoluta.

Prossimamente:I 10 Comandamenti su come lavorare efficacemente con gli avvocati” e successivamente “Come Gestire Efficacemente la Relazione Avvocato-Cliente”. Quindi se hai uno studio legale o se interessato all’argomento assicurati di essere iscritto alla nostra Newsletter.

La Harvard e la Georgetown hanno riconosciuto questa lacuna formativa, e hanno lanciato programmi per insegnare ai loro legali competenze di business. Oltre a una forte attenzione sulla costruzione di leadership, lavoro di squadra e capacità di collaborazione per aiutare gli avvocati a “fare il passaggio da avvocato a leader“; la Georgetown offre un Workshop, che, per esempio, istruisce gli studenti alla strategia, alla cultura, e alla filosofia di gestione dei talenti della società.

Per i Dominus degli studi legali che cercano di tenere i migliori avvocati con sé, le soluzioni possono essere sorprendentemente semplici:

  1. Trattate i vostri collaboratori come gli adulti.
  2. Coinvolgeteli nella attività dello studio.
  3. Non idioti. Smettete di urlare. E date un feedback positivo quando è meritato.

 Scopri quali sono Gli 8 Effetti Collaterali dei Manager Irresponsabili

Se trattate i vostri collaboratori meglio, faranno un lavoro migliore. Ci vuole ciò che Daniel Goleman chiama intelligenza emotiva, svilupparla e applicarla.

Questo approccio sembra funzionare per Munger, Tolles & Olson, classificati dalla Vault come l’impresa N.1 in relazioni con i propri avvocati partner-associati e il N.7 miglior studio legale presso cui lavorare negli 2013. Inserendo i soci nelle commissioni di gestione, per esempio, e la condivisione dei bilanci dell’azienda (di solito un privilegio goduto solo dai partner), la società mostra un certo rispetto per i suoi avvocati e insegna loro alcuni principi fondamentali di business. L’azienda utilizza un “sistema di libero mercato“, che incoraggia i dipendenti a trovare il proprio lavoro avvicinandosi ai partner per le assegnazioni, i partner hanno un incentivo a comportarsi bene.

Questo è un fattore motivante per i nostri partner ad essere brave persone con cui poter lavorare“, dice Munger managing partner di Sandra Siviglia-Jones, “perché sanno che, per attirare le risorse di cui hanno bisogno per i loro casi o transazioni, devono essere visti come buoni team leader.

Gli studi legali che propongono grandi bonus dovrebbero prenderne nota: gli avvocati associati sono alla ricerca di qualcosa in più che di uno stipendio.

Aggiungiamo: vogliono essere valorizzati, considerati e spinti verso la crescita.

Estratto da Fortune.com By Deena Shanker

Se anche questo articolo è stato di tuo gradimento, ed è utile nella tua vita e pensi possa migliorare la vita di altre persone Condividilo sui Social e commenta qui sotto aiutandoci a migliorare. Ci teniamo a conoscere il tuo punto di vista, la tua critica o la tua storia. Grazie.

Ricevi anche tu le nostre News

Iscriviti Adesso e Ricevi le nostre migliori News direttamente alla tua email.

Noi AMIAMO la Privacy e la Tua e Garantita al 100%.

 

Inserisci il Tuo Commento

Commenti